Perché ho deciso di promuovere SPEAK Naples?

Quando ho scoperto SPEAK, l’ho trovato un progetto fantastico e decisamente in linea con la mia idea di città accogliente e inclusiva.
Mi è sembrato un bel modo di creare occasioni di incontro. SPEAK consente di conoscersi, accogliersi, darsi una mano e viaggiare attraverso le persone! Soprattutto, mi piace l’idea di creare ponti nella diversità, promuovere occasioni di scambio e curiosità.

Impegnata nella cooperazione internazionale, ho vissuto per diversi anni all’estero, in Paesi molto diversi tra loro. So cosa significa ritrovarsi straniera in una città nuova; conosco quel miscuglio di emozioni che va dallo spaesamento alla curiosità, dalla solitudine all’apertura, dalla paura all’entusiasmo. Può capitare di sentirsi a casa molto facilmente, ma può anche succedere di fare fatica a trovare punti di riferimento. 

La differenza la fanno tante cose. A volte, è questione di aria ed energia dei luoghi. Per motivi misteriosi, possiamo sentirci subito in sintonia oppure addirittura respinti.

Sicuramente, riuscire a comunicare fa la sua parte! Imparare una lingua è una bella sfida e diventa necessario per ambientarsi. A volte, conoscere anche solo poche parole della lingua del posto mi è valso sorrisi e porte aperte.

Senza dubbio, la cosa più importante sono le persone. Gli occhi e le parole delle persone che incroci fanno la differenza. Conoscere le persone fa la differenza!

Per questo motivo, ho deciso di promuovere SPEAK a Napoli: perché mette in contatto persone e mondi che altrimenti si incontrerebbero difficilmente. Perché, attraverso la lingua, SPEAK consente amicizie nuove e nuovi orizzonti. Una persona straniera può sentirsi sempre di più a casa e una persona del posto può fare un salto lontano. Attraverso i gruppi linguistici e gli eventi culturali, si abbattono pregiudizi più o meno innocui, si scoprono fatti strani e curiosità interessanti. Nei nostri gruppi linguistici, si parla di tutto; si discute di questioni di genere, si racconta la terra da cui si proviene, ma si parla anche di cose semplici e ci si diverte! Nell’incontro con l’altro, ci si scopre nelle reciproche diversità e nelle diversità che ciascuno e ciascuna si porta dentro, perché – come dice Walt Whitman – “Sono vasto. Contengo moltitudini!”.

Con SPEAK, facciamo incontrare parole da vicino e da lontano, e apriamo lo sguardo.

Don't stop here! If you would like to learn more about our founders. You might also like "SPEAK Dublin: Meet the three founders"

Author: Simona Eco

Simona is the founder of SPEAK Naples. She has worked in international development and lived in different countries. Back in Naples, she started to promote international volunteering placements. Enthusiastic and active, she loves walking, dancing and when things are out of the box.

Author: Jessica Milsom

Jess is a marketer at SPEAK. She is from England, Shanghai, The Netherlands, Taiwan, and now Portugal. But actually, don’t ask her where she is from, it’s a long story. She is a good listener, an open-minded communicator, and a fruitful debater. And her favourite pastime is watching k-pop music videos with a warm cup of tea.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *